Il calendario Facebook

Verso Oslo 2010 / Albania

Speciale Festivali i Këngës

Il Palazzo dei Congressi di Tirana

Il Palazzo dei Congressi di Tirana, sede del Festival dall'edizione 1989

La storia del Festival

I momenti salienti della storia del Festival dal 1972 al 2007. Noterete all'inizio del filmato il drammatico cambio di stile dei primi due spezzoni di filmato. Se il filmato del 1972 non è dissimile da un'edizione italiana di Canzonissima, quello del 1973, appena un anno dopo, mostra la tipica estetica di partito dei regimi dell'Europa Orientale, con coro delle mondine in sottofondo e simboli di partito a soverchiare la scena. Successivamente, riconoscerete Elsa Lila (1996 e 1997), già in concorso tra i Giovani a Sanremo nel 2003 e nel 2007.

Kejsi Tola, campione in carica

La giovanissima Kejsi Tola, ultima vincitrice del Festivali i Këngës e rappresentante dell'Albania a Mosca 2009, nella performance dell'anno scorso che le valse il biglietto per la competizione europea.

È iniziato il 48° Festivali i Këngës

Tirana, arriviamo!

Come di consueto è l'Albania a rendere nota la prima canzone per l'Eurofestival, tramite un Festival della Canzone che tradizionalmente si tiene nel mese di dicembre. Tra le kermesse canore delle nazioni più piccole, quello albanese è considerato il piccolo gioiello nascosto d'Europa. E quest'anno, al Palazzo dei Congressi di Tirana, ci sarà anche Eddy Anselmi di Eurofestival.com

Il Sanremo d'oltreadriatico

Il Festivali i Këngës è il principale concorso canoro della scena musicale Albanese. Organizzato dal 1962 dall'emittente radiotelevisisiva pubblica RTSH, a partire dall'edizione 2003 la canzone e l'artista vincente rappresentano il paese delle Aquile al successivo Eurofestival. Di tutte le selezioni che si svolgono in Europa secondo la formula del Festival di Canzoni (non tutti i paesi inviano il vincitore del loro principale concorso canoro) quella Albanese è l'unica a utilizzare un'orchestra dal vivo in luogo delle basi musicali diffuse in tutto il continente. Allo stesso Eurofestival l'orchestra non è più presente dal 1999.

Esattamente come in Italia Sanremo, si può dure che il Festival della Canzone Albanese racconti a suo modo la storia del Paese delle Aquile. Inaugurato nel 1972, le prime edizioni videro una lenta apertura delle canzoni in concorso verso modi e stili di derivazione occidentale. Tendenze e mode risentivano della volontà del governo di Henver Hoxha. Non c'erano i capelloni nè era arrivato il Rock'n Roll, ma, anno dopo anno, fino al 1972, le canzoni in concorso mostrano una breve volontà di apertura, o comunque sono la spia di un anelito al cambiamento da parte di settori della società albanese al tempo del partito unico.

Gli anni del regime e la tragica edizione 1972

Il concorso è molto cambiato nel corso degli anni: se le prime edizioni proponevano canzoni con tematiche lontane da posizioni politiche, negli anni Settanta il Festival divenne un vero e proprio strumento del Partito Comunista Albanese per la propaganda di regime. Il punto più drammatico venne raggiunto all'indomani dell'undicesima edizione, nel 1972: il dittatore Enver Hoxha fece giustiziare gli organizzatori dell'undicesimo Festival della canzone dopo che gli stessi furono dichiarati "nemici del popolo" e accusati di mettere in pericolo la sicurezza nazionale per mezzo dei "contenuti immorali" delle canzoni e delle performance del festival. Se l'edizione del 1972 mostrò una timidissima apertura alla modernità, il 1973 tornò, a cominciare da scenografia ed estetica, ai più rigidi modelli del socialismo reale: il Partito Comunista, fino alla morte di Hoxha, esercitò un ferreo controllo sui contenuti delle canzoni, censurando qualsiasi contenuto ritenuto inappropriato dal governo.

Aperture e novità; l'Albania cambia volto

Dopo la morte di Hoxha, nel 1984, qualcosa cominciò a cambiare. Gli ultimi anni del regime videro allentarsi la morsa della censura governativa sui contenuti delle canzoni. Ma è solo negli anni Novanta che il Festivali i Këngës cambia radicalmente natura. Le canzoni vincenti iniziarono a riflettere il nuovo corso politico del paese. Come tanti motivi in concorso al Festival di Sanremo dagli anni Cinquanta ai primi anni Settanta, il tema dell'immigrazione divenne uno dei topos principali delle canzoni. In più, veniva celebrata la libertà ritrovata. In alcune canzoni dell'epoca si ritrovano per la prima volta espliciti accenni a tematiche di carattere religioso: la stessa parola "Dio", durante il periodo dell'ateismo di Stato, non poteva essere pronunciata in pubblico. Parteciparono al Festival per la prima volta esponenti della diaspora albanese o delle comunità albanofone all'estero: fatto saliente in quanto prima del 1991 il Paese era di fatto isolato dal resto del mondo.

Lo specchio del paese

Negli anni successivi, si può dire che il Festivali i Këngës rappresenta i mutamenti e gli eventi salienti della società e della storia albanese. Nel 1996 e 1997 la doppietta della giovanissima Elsa Lila raccontò le difficoltà che il paese stava affrontando in seguito al collasso delle finanziarie "a Piramide" che negli stessi anni trascinò l'Albania sull'orlo della guerra civile. Nel 1998 Albërie Hadërgjonaj fu il primo vincitore originario del Kosovo: la sua canzone Mirësia Dhe E Vërteta, una ballata pacifista, si colloca nel quadro delle tensioni internazionali destinate a culminare nell'intervento armato della NATO a favore delle tendenze autonomiste della componente di nazionalità albanese della regione allora parte della vicina repubblica Iugoslava.

Destinazione Eurofestival

Dal 2004, la canzone vincitrice del Festivali i Këngës rappresenta l'Albania al Concorso Eurovisione della canzone. Il miglior risultato del paese delle aquile è il settimo posto di Anjeza Shahini (che partecipa anche quest'anno) nell'edizione del debutto, grazie alla versione inglese della canzone affermatasi al palacongressi di Tirana, dal titolo The Image Of You. Nelle ultime due edizioni, le giovanissime Olta Boka e Kejsi Tola sono riuscite nuovamente a portare l'Albania in finale, per poi non riuscire ad andare oltre le posizioni di rincalzo.

L’Albania all’Eurofestival

Tutte le partecipazioni dell'Albania al concorso Eurovisione della canzone.

[clicca le intestazioni delle colonne per ordinare la tabella per anno o posizione in classifica]

Anno Artista Canzone Lingua Pos. P.
2004 Anjeza Shahini The Image Of You Inglese 7 106
2005 Ledina Çelo Tomorrow I Go Inglese 16 53
2006[sf] Luiz Ejlli Zjarr E Ftohte Albanese 14 58
2007[sf] Aida e Frederik Ndoci Hear My Plea Inglese 17 49
2008 Olta Boka Zemrën E Lamë Peng Albanese 16 55
2009 Kejsi Tola Carry Me In Your Dreams Inglese 17 48

Speciale Albania

48°Festivali i Këngës

Mosca 2009

Le 54 edizioni



Condividi questa pagina

Condividi questa pagina e il sito Eurofestival.com con la tua comunità di amici!

La canzone Fairytale di Alexander Rybak si aggiudica la 54ª edizione del Concorso Eurovisione della canzone.

2010: appuntamento a Oslo!

Eurofestival, dominio Norvegia

Mosca, 17 maggio - Non c'è mai gara: l'unico brivido è la volata per il podio, vinta all'ultimo collegamento dalla islandese Yohanna sul team di svedesi messo in campo dagli azerbaggiani. Solo quinta Jade Ewen. La delusione si chiama Sakis. Quarta la Turchia: l'ombelico paga sempre.

Battuto un nuovo record d'ascolto: le stime più prudenti parlano di 125 milioni di telespettatori: nel 2003 erano 63 milioni, meno della metà.

Eurofestival, il giorno dopo »

La prossima sede dell'Eurofestival

Nella capitale norvegese sono tre gli impianti che si contendono lo svolgimento del concorso 2010.

| Favorita la Telenor Arena »


Barbara Dex, vince l'Ungheria

La tutina elastico-mimetica dell'Ungherese Zoli Adok gli vale il riconoscimento Barbara Dax come performer peggio vestito dell'edizione Moscovita dell'Eurofestival

Zoli Adok

24 maggio - L'Ungheria non se ne va da Mosca a mani vuote. Zoli Adok iscrive il suo nome nella storia del costume eurofestivaliero come performer peggio vestito dell'anno.

Il premio Barbara Dex »


Le pagelle di Mister Bitter

Non c'è solo Eddy Anselmi a Mosca: un'altro commentatore italiano racconta le sue impressioni a caldo sulle prove della seconda semifinale. Secondo lui è l'Azerbaigian a rischiare qualcosa.

Le pagelle della seconda semifinale

Noblesse oblige?

Mister Musical Andrew Lloyd Webber non viene all' Eurofestival per fare la figura degli Scooch o di un Andy Abraham qualsiasi. L'ordine di esibizione non poteva essere migliore, e secondo molti è tempo che il trofeo ritorni a viaggiare verso ovest.

Un barone all'Eurofestival »

L’Eurofestival su grande schermo

Sabato 16 maggio 2008, a partire dalle 15, al cinema Don Bosco in Viale del Risorgimento 87 a Livorno, avrà luogo il Meeting ufficiale degli iscritti di OGAE Italy, il Fan club ufficiale dell'Eurofestival

OGAE Italy: tutti a Livorno

Dal carrello di YouTube...

di Laura Bonacini

Abbiamo fatto visionare tutti i filmati di presentazione delle canzoni. E abbiamo ricavato preziosi consigli per drogati dello shopping di tutta Europa.

Peccato che la francese non abbia scarpe »


Illusioni di settembre

di Emanuele Lombardini - Dima Bilan, Ani Lorak e i Pirates of The Sera a Carramba che fortuna!. Non sembrava neanche vero, ma mamma Rai ha detto ancora no.

L'ennesima occasione perduta »

Good Evening Europe!!

Cristina Giuntini, di Prato, è la presidente italiana di OGAE, e ci presenta le iniziative dell'associazione italiana dei fan Eurovisivi.

leggi...  leggi...

Le Pagelle

di EMANUELE LOMBARDINI

Emanuele Lombardini assegna il massimo dei voti a Soraya, l'Alexia di Estremadura »

leggi... Spagna, Spagna, Spagna!

Si avvia alla conclusione la 54ª edizione del Concorso Eurovisione della canzone. Il risultato sembra scontato.

Matchball per Rybak?

Sakis e Jade sperano ancora, la critica si schiera dalla parte di Patricia Kaas. Piacciono Islanda e Estonia.

Mosca, 16 maggio - E' il momento della verità: la Norvegia di Alexander Rybak e la sua Fairytale dovrebbero farcela, ma con più affanno del previsto. Grecia e Regno Unito scaldano i motori, la Francia potrebbe essere la grande sorpresa. Polemiche alla vigilia: Kirkorov si dimette da presidente della Giuria russa. La Spagna trasmette la semifinale in differita: rischio sanzioni.

Quote e pronostici » | Il Programma » ! Alla vigilia della finale »

Avanti i prossimi

Seconda semifinale: 19 canzoni. La finale sembra cosa fatta per Grecia, Norvegia e Azerbagian. Per gli altri sette posti è bagarre, e nessuno sembra sicuro di farcela. Lievemente avanti Ucraina e Moldavia: Lettonia e Slovacchia sembrano fuori dei giochi.

Previsioni e pronostici » | Il Programma »

Una poltrona per dieci

12 maggio - Prima semifinale, e primo brivido: Ce la faranno in dieci, usciranno in otto. Solo Bosnia, Turchia e Armenia sembrano avere la finale garantita mentre rischia la Svezia di Malena Ernmann.

 Poche nazioni sembrano sicure di farcela »


Chi fermerà Alexander Rybak?

12 maggio - Nessuna edizione dell'Eurofestival ha visto un favorito più favorito. Se gli scommettitori di tutta Europa avessero la sfera di cristallo, non ci sarebbe dubbio che il norvegese di origina bielorussa Alexander Rybak sarebbe il vincitore dell'edizione moscovita dell'Eurovision Song Contest. Ma dietro di lui sgomitano almeno in quattro

 Dominatore o Lepre?

Il programma dell'Eurofestival 2009

Tre serate, quarantadue canzoni, quattro presentatori (di cui due abbastanza scarsi, finora): i numeri di apertura e i numeri di intervallo dell'Eurofestival 2009.

1ª semifinale, 12 maggio | 2ª semifinale 14 maggio | Serata Finale 16 maggio

Il palazzo dello sport Olimpico

Dall'Eurolega all'Eurofestival, il palazzetto Olimpico di Mosca è uno degli impianti più grandi mai utilizzati per il Concorso Eurovisione della Canzone.

leggi... L'Eurofestival 2008 va in onda da uno dei palasport più grandi d'Europa


Appuntamenti a Mosca

Le prove, gli spettacoli, le promozioni, tutto quello che dovete sapere per seguire il Concorso Eurovisione della Canzone

leggi... L'agenda dell'Eurofestival 2009


Dove si vede l'Eurofestival?

leggi... Etere, Digitale, Internet, Satellite e Locali pubblici


F.A.Q. Domande più frequenti

L'Eurofestival è una manifestazione pressochè sconosciuta dalla gran parte del pubblico Italiano. Qui trovate le risposte alle vostre domande sull'evento e sui partecipanti

leggi... leggi...


Twelve points to...

Il regolamento dell'Eurofestival è semplice. Al termine dell'esecuzione dell'ultima canzone, è aperto il televoto in ognuno dei paesi partecipanti. Al termine, i punti sono annunciati in 43 rapidi collegamenti.

leggi... Lo stesso sistema elettorale dal 1975


Le canzoni in concorso

Le caratteristiche dei concorrenti: durata e lingua delle canzoni, nazionalità degli interpreti e altre regole eurofestivaliere.

leggi... Chi gareggia all'Eurofestival


Prove aperte: 2009

Norvegia: Alexander Rybak

Le prove ne confermano la consistenza: l'oriundo bielorusso Alexander Rybak può solo perdere

Portogallo: Flor-de-Lis

Non entusiasma i critici come Vânia Fernandes, ma Daniela Varela porta una ventata di freschezza sul palco di Mosca

Albania: Kejsi Tola

Classe 1992, è la più giovane in gara: solida e precisa, senza sbavature potrebbe qualificarsi

Paesi Bassi: The Toppers

I gigioni olandesi puntano tutto sul Camp, e potrebbero staccare il biglietto per la finale

Bielorussia: Petr Elfimov

Rock'n'Roll! Minsk mostra i muscoli, il caschetto da Nino D'Angelo e le chitarre a coda di rondine

Creative Commons License Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tutto il materiale presente questo sito è di proprietà dei rispettivi autori. Il materiale iconografico è presente al solo scopo documentale previa citazione della fonte. Eurofestival.com è un sito indipendente, non ufficiale, a carattere non periodico, non associato a EBU-UER e a nessuna delle reti televisive europee che organizzano o partecipano all' Eurovision Song Contest. Eurovision Song Contest è un marchio registrato di EBU-UER. [cc] 2007-2008 Eddy Anselmi Eurofestival.com WondersNeverCease. In collaborazione con Radio Città Fujiko.