Il calendario Facebook

Lombardini assegna il massimo dei voti a Soraya, l'Alexia di Estremadura

Spagna, Spagna, Spagna!

Le pagelle di EMANUELE LOMBARDINI (euromusica.wordpress.com)

Albania   Albania

Kejsi Tola - Carry Me In Your Dreams - Rendeva di più in lingua originale, non hanno voluto osare come invece Olta Boka l’anno scorso. La canzone è carina, molto moderna, in Albania stanno migliorando, ma noi ci saremmo giocati tutto portando Elsa Lila. - Voto: 7

Andorra   Andorra

Susanne Georgi - La teva decisió (Get a Life) - La danese Susanna Georgi si prepara a far cantare tutta l’arena, col suo motivetto leggero leggero. Non sarà un capolavoro di stile ma si fa ascoltare. Peccato per l’inciso in inglese, in catalano era tutto molto più bello. Molto radiofonico. Tormentone del Festival? - Voto: 9

Armenia   Armenia

Inga e Anush - Jan jan - Chi ama certi ritmi ne resta affascinato, che non li ama storce il naso. Il brano cresce di livello ascoltandolo più volte. Ma siamo molto più sotto rispetto all’anno scorso. - Voto: 5.5

Azerbaijan   Azerbaijan

AySel e Arash - Always - In tutto l’est Europa ed in Svezia, dove il persiano Arash è famosissimo, sarà il brano dell’estate, perché ha tutto per piacere. Entra nelle orecchie subito e si balla che è una bellezza. Puntano ad un piazzamento nei dieci in finale, possono farcela. - Voto: 8.5

Belgio   Belgio

Copycat - Copycat - L’Elvis Presley della Vallonia farà ballare tutta Mosca. Però è come sentire un disco del cantante di Memphis e vederlo esibirsi quarant’anni dopo. Alla faccia dell’attualità. Ma il Belgio quando tornerà a farci sentire canzoni vere? - Voto: 3

Bielorussia   Bielorussia

Petr Elfimov - Eyes That Never Lie - Dei due bielorussi in gara, loro hanno quello sbagliato. Il brano non fa presa, lui non è granchè. Basteranno i voti amici? - Voto: 4

Bosnia e Erzegovina   Bosnia e Erzegovina

Regina - Bistra voda - Fanno musica da dieci anni, mica bazzecole. E si sente. Ballata leggera, sofisticata, di grande qualità. Fra le canzoni in lingua originale è forse il miglior prodotto, ma rischia di perdersi nel mucchio, perché non la capiranno in tanti. - Voto: 9

Bulgaria   Bulgaria

Krassimir Avramov - Illusion - Dicono che nelle selezioni in patria il suo live sia stato penoso. Se non è migliorato, rischia di fare la fine di Meneguzzi l’anno scorso. Il brano è un tunz tunz, nemmeno troppo bello. Ma potrebbe anche bastare per passare il turno (speriamo di no). - Voto: 5

Cipro   Cipro

Christina Metaxa - Firefly - Al primo ascolto pensi: Ma che roba è? . Poi lo risenti e dici: Però che brava sta ragazzina . E’la seconda volta che a Cipro fanno cantare a sedicenni canzoni alla melassa ( Stronger very minute , Lisa Andreas, 2004), questa però è di buon appeal. Le nostre radio apprezzerebbero. - Voto: 6.5

Croazia   Croazia

Igor Cukrov feat. Andrea - Lijepa tena - Canzone molto vecchio stile, nel senso di quelle che in Italia andavano una trentina d’anni fa. Lui è vecchio anche nel modo di cantare, parecchio. Sembra neomelodico. Però il brano ha una spolverata di chitarre che è una bellezza e una linearità nella melodia che lo rendono particolare. Non ce la facciamo a dire che è brutto. Solo un po’ (troppo) retrò. - Voto: 7

Danimarca   Danimarca

Brinck - Believe Again - Votassero le radio, vincerebbe lui. Orecchiabile, immediato, semplice. Lui è una sorta di boyband senza band, un po’ Take That e un po’ Ronan Keating (che del resto è fra gli autori) e ha una faccia di quelle che piacciono alle ragazzine. Dicono che non sia quotato. A noi però il brano ci ronza in testa da un mese e qualcosa vorrà pur dire. - Voto: 9.5

ERI Macedonia   ERI Macedonia

Next Time - Neshto shto kje ostane - Del buon rock, nella lingua locale. L’esperimento è coraggioso e meriterebbe un premio. Non sarà così, faranno molta fatica ad andare avanti, per le rock band pure all’Eurofestival è parecchio dura, a meno che non cantino in inglese. - Voto: 9.5

Estonia   Estonia

Urban Symphony - Rändajad - La cantante ha un non so che di misterioso che la rende sensuale. Ma la cosa più bella in assoluto sono i violini, usati in maniera superba su una melodia fuori dagli schemi per un brano pop. Atmosfere magiche. Qualitativamente è la cosa migliore. Quindi faticherà tantissimo ad entrare in finale. Come al solito. - Voto: 6.5

Finlandia   Finlandia

Waldo's People - Lose Control - Classico brano dance con cui i finnici puntano a prendersi i voti del pubblico della discoteca. I bookmakers ci credono poco, ma la gente che vota segue i suoi gusti e dunque sono pericolosi outsiders per un posto sul podio. - Voto: 9

Francia  Francia

Patricia Kaas - Et s'il Fallait Le Faire - Cosa volete che importi a una che ha venduto centinaia di milioni di dischi nel mondo di vincere un festival di canzonette? Lei va lì e canta un pezzo dell’album, nemmeno il migliore. Però ha un fascino interpretativo straordinario. Il repertorio è quello classico francese, ma se l’ascoltate chiudendo gli occhi sembra di volare, la melodia è a tratti regale, maestosa. La missione di evitare l’ultimo posto sembra possibile. - Voto: 8

Germania  Germania

Alex Swings, Oscar Sings! - Miss Kiss Kiss Bang - Dance, ritmo latino e jazz sapientemente mescolati. Prodotto molto commerciale e radiofonico made in Germany con cantante mediocre valorizzato da un contesto e da una struttura melodica molto buona. Alex C. è quello di due tormentoni di successo in Germania e sa come si fa. Non è il meglio che ha prodotto, ma ha buon appeal. - Voto: 8

Grecia   Grecia

Sakis Rouvas - This is our night - L’uomo del Pireo ha una missione: riportare l’Eurofestival in Grecia. Missione possibile, perché il brano è di quelli che piacciono tanto al pubblico di aficionados della manifestazione. Le quote lo danno ai vertici. In realtà il pezzo è bello e si balla, ma non è niente di nuovo. - Voto: 7.5

Irlanda   Irlanda

Sinéad Mulvey e Black Daisy - Et Cetera - Energia, energia. Dopo il pupazzo di pezza, ci voleva di ritornare a qualcosa di meglio. Le quotazioni non la danno messa bene, ma noi quando la mettiamo nello stereo alziamo sempre il volume. Rock un un po’ di plastica, magari, ma mette un sacco di allegria. E poi c’è l’unico italiano presente, l’autore Davide Moretti. E dunque tifiamo per loro - Voto: 9.5

Islanda  Islanda

Yohanna - Is It True? - Melodia leggera e romantica dopo il rocker anziano e triste di due anni fa e i bambolotti dance dell’anno scorso. E’giù un passo avanti. Melassa a quintali, ma non è la sola. Però lei e brava e canta bene. - Voto: 7.5

Israele   Israele

Noa e Mira Awad - There Must Be Another Way - Due anni fa rischiò la squalifica portando un brano contro l’arsenale militare dell’Iran, quest’anno lancia un messaggio di pace con la grandissima Noa accompagnata da una cantante araba israeliana e una canzone dal titolo chiarissimo. L’effetto-Noa potrebbe anche bastare per spingerli nei cinque, perché quando la senti cantare vai in estasi. - Voto: 9

Lettonia   Lettonia

Intars Busulis - Probka - Jazzman che canta in russo una canzone originariamente in lingua lettone. Ha vinto le frettolose selezioni baltiche, ma il pezzo è una sorta di jam session dimenticabilissima. Del resto coi tempi grami che corrono, l’ultima cosa che pensano a Riga è di poter organizzare l’anno prossimo. I bookmakers lo danno a 500 (è l’ultimo). - Voto: 5.5

Lituania   Lituania

Sasha Son - Love - Lui è uno di talento ma non s’è fidato a cantare nella sua lingua, rifugiandosi nell’inglese. Il brano è di atmosfera e non è la prima volta che i lituani stupiscono con pezzi di questo livello. Si fa ascoltare, ma si canta poco. Però è bello. - Voto: 6.5

Malta   Malta

Chiara - What If We - Svolta melodica per Malta. La cantante oversize ha molti estimatori in giro e l’Isola ha sempre fatto benissimo (meno che negli ultimi due anni). Però a noi il brano piace sino ad un certo punto. Non dovrebbe faticare ad entrare in finale, se poi pescherà un numero di esibizione sopra il venti rischia anche di vincere. Purtroppo. - Voto: 6

Moldavia   Moldavia

Nelly Ciobanu - Hora din Moldova - Danza tipica indigena. Un florilegio di ottoni e fiati, per gli amanti del genere è una bellezza. Lontanissimo dai canoni del pop, però se va in finale potrebbe anche scapparci un piazzamento più che decoroso. - Voto: 6.5

Montenegro   Montenegro

Andrea Demirovic - Just Get Out of My Life - Al terzo tentativo imbroccano la canzone (e la cantante molto sexy). Pop classico con leggere influenze balcaniche, ma finalmente si canticchia. Era ora. - Voto: 5.5

Norvegia   Norvegia

Alexander Rybak - Fairytale - Eccolo qua l’uomo da battere per i bookmakers. Il bielorusso che con la sua canzone piena di suoni e strumenti particolarissimi ha stravinto le selezioni di uno dei templi del pop. Possiamo andare controcorrente? A noi non è che piaccia più di tanto. Ma la sensazione è che la sua aurea fiabesca lo porterà molto in alto. - Voto: 7.5

Paesi Bassi   Paesi Bassi

The Toppers - Shine - Questa boyband di quarantenni è la più grande delusione del festival. Caos organizzato in salsa pop, cantano un brano che vorrebbe fare il verso ai Take That prima maniera, ma non ci riesce. Hanno tentato di modernizzarlo mettendoci una base dance sopra: l’hanno peggiorato. - Voto: 6.5

Polonia   Polonia

Lidia Kopania - I Don't Wanna Leave - Di nuovo la linea melodica, ma stavolta, rispetto alla Mariah Carey dei poveri, va meglio. Il brano è sin troppo soft ma gradevole. Lei canta con grazia e stile. Però l’abbiamo già sentita e questi brani fanno sempre una gran fatica. - Voto: 4

Portogallo   Portogallo

Flor-de-Lis - Todas as ruas do amor - La struttura delle strofe ricorda molto If i Were a sailboat di Katie Melua però il motivetto scivola via leggero che è un piacere, con organetto e chitarra come strumenti base. Il Portogallo ha spostato l’asse della qualità con questo folk in lingua originale. Ma chissà se basterà per convincere i palati meno fini. La cantante non è esattamente longilinea ma ha un viso dolcissimo. Mettono tanta allegria. - Voto: 7

Regno Unito  Regno Unito

Jade Ewen - My Time - Il santone del musical Andrew Lloyd Webber (Jesus Christ Superstar) per la musica, Diane Warren (ha lavorato con Cher, Celine Dion, Toni Braxton, Faith Hill, Aerosmith, sei nomination per i Golden Globe) per le parole, Linda Perry dietro le quinte. Perché fosse chiaro a tutti che stavolta non vogliono arrivare ultimi. Il brano è molto di atmosfera. - Voto: 7.5

Repubblica Ceca   Repubblica Ceca

Gipsy.cz - Aven Romale - Artisti di strada diventati stelle per il loro modo particolare di fare hip hop, in lingua inglese e rom. A noi il brano piace perché ha una sua originalità. C’è dentro tutto: dalle sgommate delle macchine ai vetri rotti. Gran casino, ma molto ben sfruttato. La proposta più brillante del Festival: purtroppo non andrà lontano. - Voto: 7.5

Romania   Romania

Elena - The Balkan Girls - Altra grossa delusione dopo le belle prove dell’anno scorso. Canzone inutile, banale. Si balla e basta, su una melodia con lo stampino. Appuntamento a quest’estate, sulle spiagge greche, lì andrà meglio. - Voto: 5

Russia  Russia

Anastasiya Prykhodko - Mamo - Una volta c’era lo zar di tutte le russie . Adesso c’è la canzone di tutte le russie. Lei è ucraina, ha vinto la discussa selezione russa nella quale è stata inserita in corsa dopo essere stata squalificata da quella del suo paese e canta in due lingue (ucraino e russo) una canzone nella quale un autore estone ha musicato le parole di un autore georgiano. Quattro paesi con i quali la Russia ha problemi diplomatici. Solo un caso? Ah, dimenticavamo il brano. Inutlile. E brutto. - Voto: 4

Serbia   Serbia

Marko Kon e Milaan - Cipela - Allegria. Il brano fa il verso al tango dei croati dell’anno scorso, ma è uno spettacolo perché la fisarmonica si mescola alla voce cavernosa di Marko Kon. Un bel saltarello in salsa serba. Orù dunque prendiamoci sottobraccio e balliamo. - Voto: 8.5

Slovacchia   Slovacchia

Kamil Mikulčík & Nela Pocisková - Let'tmou - Il ritorno dopo 11 anni di assenza porta in dote una oscura ballata. Troppo oscura. Delicata, gradevole all’ascolto ma di molto difficile presa. Peccato, da quelle parti fanno ottima musica. Non sarà facile. - Voto: 5

Slovenia   Slovenia

Quartissimo feat. Martina - Love Symphony - Violini anche qui, su una base pop. Il brano è quasi del tutto strumentale e a noi vengono in mente i virtuosi dello strumento, come Vanessa Mae oppure Rondò Veneziano. L’ultimo brano del genere a vincere fu Nocturne , dei norvegesi Secret Garden, anno 1995. Grande energia, ottimo arrangiamento, molto maestoso. Tutto molto bello. Qui invece la scelta dell’inglese rispetto allo sloveno per la strofa migliora il brano (esiste anche la versione in lingua locale). Lo stratagemma del cantante coperto da un telo l’abbiamo già visto nel 2007 con i musicisti dei 4 Fun. - Voto: 9.5

Spagna  Spagna

Soraya Arnelas - La noche es para mi - Fossimo in uno dei paesi in gara consumeremmo una ricarica per votare lei. Ritmo, energia, sensualità senza essere forzata. Il brano, molto radiofonico, è parecchio furbo perché combina dance, pop ad assonanze balcaniche. Ed entra subito in testa. E pensare che in Spagna ha vinto le selezioni per un pelo. Abbiamo già prenotato il volo per Madrid. - Voto: 10

Svezia   Svezia

Malena Ernman - La voix - Malena Ernman divide. C’è chi considera l’unione di questo soprano con la dance pop tipica della Svezia un trash e chi la considera un capolavoro. Probabilmente la verità sta nel mezzo. Due anni fa, Alenka Gotar ci faceva venire i brividi dalla bellezza, lei è brava, ma non ci dà le stesse emozioni. Colpa della musica, troppo ridondante, che copre la voce di lei. Tuttavia è quotata e può piazzarsi bene. La Svezia aspetta. - Voto: 7

Svizzera   Svizzera

Lovebugs - The Highest Heights - I Pet Shop Boys in salsa svizzera. Brano radiofonico, di livello importante, un pezzo vero, molto british nello stile. Del resto loro sono una rock band vera, che da quelle parti fa musica da un decennio. La Svizzera cala l’asso e punta forte, vuole vincere e chissà che non ci scappi la sorpresa. Le radio ringraziano, forse il pubblico dell’Eurofestival un po’ meno. - Voto: 10

Turchia   Turchia

Hadise - Düm Tek Tek - Sensuale è sensuale, ma il pezzo continua a non piacerci. Insomma, niente di nuovo rispetto a quello che ci ha proposto la Turchia di solito. Tamburi, ritmi balcanici, movimento, scarsa originalità. Era meglio, molto meglio la rock band dell’anno scorso. Però i bookmakers la danno in quota podio. - Voto: 5.5

Ucraina   Ucraina

Svetlana Loboda - Be My Valentine! (Anti-crisis Girl) - Ogni anno diminuiscono i centimetri di stoffa del vestito della cantante e la qualità. Mai così in basso negli ultimi anni l’Ucraina, con un pezzo caos che non piace nemmeno agli amanti del tunz tunz. Solo ammiccamenti, sensualità e movimento di bacino. E la canzone? - Voto: 3

Ungheria  Ungheria

Csézy - Candlelight - Convince eccome. Ma forse non ce la fa a bissare il decimo posto finale del blues di Magdi Rusza dell'anno scorso. In Ungheria stanno molto avanti rispetto alla media dell'Est Europa, ma stavolta il confronto è impari. - Armoniosa

Ungheria   Ungheria

Zoli Ádok - Dance With Me - Un minimo di indulgenza per i magiari, perché questa non era la canzone che avevano scelto, ma la terza, dopo una squalifica e una rinuncia. Hanno preso quello che restava, cioè un classico brano dance. Non ha nessuna speranza di vincere e poche di passare il turno, ma per tre minuti si balla. Con un motivo più che dignitoso. - Voto: 6.5


Speciale Albania

48°Festivali i Këngës

Mosca 2009

Le 54 edizioni



Condividi questa pagina

Condividi questa pagina e il sito Eurofestival.com con la tua comunità di amici!

La canzone Fairytale di Alexander Rybak si aggiudica la 54ª edizione del Concorso Eurovisione della canzone.

2010: appuntamento a Oslo!

Eurofestival, dominio Norvegia

Mosca, 17 maggio - Non c'è mai gara: l'unico brivido è la volata per il podio, vinta all'ultimo collegamento dalla islandese Yohanna sul team di svedesi messo in campo dagli azerbaggiani. Solo quinta Jade Ewen. La delusione si chiama Sakis. Quarta la Turchia: l'ombelico paga sempre.

Battuto un nuovo record d'ascolto: le stime più prudenti parlano di 125 milioni di telespettatori: nel 2003 erano 63 milioni, meno della metà.

Eurofestival, il giorno dopo »

La prossima sede dell'Eurofestival

Nella capitale norvegese sono tre gli impianti che si contendono lo svolgimento del concorso 2010.

| Favorita la Telenor Arena »


Barbara Dex, vince l'Ungheria

La tutina elastico-mimetica dell'Ungherese Zoli Adok gli vale il riconoscimento Barbara Dax come performer peggio vestito dell'edizione Moscovita dell'Eurofestival

Zoli Adok

24 maggio - L'Ungheria non se ne va da Mosca a mani vuote. Zoli Adok iscrive il suo nome nella storia del costume eurofestivaliero come performer peggio vestito dell'anno.

Il premio Barbara Dex »


Le pagelle di Mister Bitter

Non c'è solo Eddy Anselmi a Mosca: un'altro commentatore italiano racconta le sue impressioni a caldo sulle prove della seconda semifinale. Secondo lui è l'Azerbaigian a rischiare qualcosa.

Le pagelle della seconda semifinale

Noblesse oblige?

Mister Musical Andrew Lloyd Webber non viene all' Eurofestival per fare la figura degli Scooch o di un Andy Abraham qualsiasi. L'ordine di esibizione non poteva essere migliore, e secondo molti è tempo che il trofeo ritorni a viaggiare verso ovest.

Un barone all'Eurofestival »

L’Eurofestival su grande schermo

Sabato 16 maggio 2008, a partire dalle 15, al cinema Don Bosco in Viale del Risorgimento 87 a Livorno, avrà luogo il Meeting ufficiale degli iscritti di OGAE Italy, il Fan club ufficiale dell'Eurofestival

OGAE Italy: tutti a Livorno

Dal carrello di YouTube...

di Laura Bonacini

Abbiamo fatto visionare tutti i filmati di presentazione delle canzoni. E abbiamo ricavato preziosi consigli per drogati dello shopping di tutta Europa.

Peccato che la francese non abbia scarpe »


Illusioni di settembre

di Emanuele Lombardini - Dima Bilan, Ani Lorak e i Pirates of The Sera a Carramba che fortuna!. Non sembrava neanche vero, ma mamma Rai ha detto ancora no.

L'ennesima occasione perduta »

Good Evening Europe!!

Cristina Giuntini, di Prato, è la presidente italiana di OGAE, e ci presenta le iniziative dell'associazione italiana dei fan Eurovisivi.

leggi...  leggi...

Le Pagelle

di EMANUELE LOMBARDINI

Emanuele Lombardini assegna il massimo dei voti a Soraya, l'Alexia di Estremadura »

leggi... Spagna, Spagna, Spagna!

Si avvia alla conclusione la 54ª edizione del Concorso Eurovisione della canzone. Il risultato sembra scontato.

Matchball per Rybak?

Sakis e Jade sperano ancora, la critica si schiera dalla parte di Patricia Kaas. Piacciono Islanda e Estonia.

Mosca, 16 maggio - E' il momento della verità: la Norvegia di Alexander Rybak e la sua Fairytale dovrebbero farcela, ma con più affanno del previsto. Grecia e Regno Unito scaldano i motori, la Francia potrebbe essere la grande sorpresa. Polemiche alla vigilia: Kirkorov si dimette da presidente della Giuria russa. La Spagna trasmette la semifinale in differita: rischio sanzioni.

Quote e pronostici » | Il Programma » ! Alla vigilia della finale »

Avanti i prossimi

Seconda semifinale: 19 canzoni. La finale sembra cosa fatta per Grecia, Norvegia e Azerbagian. Per gli altri sette posti è bagarre, e nessuno sembra sicuro di farcela. Lievemente avanti Ucraina e Moldavia: Lettonia e Slovacchia sembrano fuori dei giochi.

Previsioni e pronostici » | Il Programma »

Una poltrona per dieci

12 maggio - Prima semifinale, e primo brivido: Ce la faranno in dieci, usciranno in otto. Solo Bosnia, Turchia e Armenia sembrano avere la finale garantita mentre rischia la Svezia di Malena Ernmann.

 Poche nazioni sembrano sicure di farcela »


Chi fermerà Alexander Rybak?

12 maggio - Nessuna edizione dell'Eurofestival ha visto un favorito più favorito. Se gli scommettitori di tutta Europa avessero la sfera di cristallo, non ci sarebbe dubbio che il norvegese di origina bielorussa Alexander Rybak sarebbe il vincitore dell'edizione moscovita dell'Eurovision Song Contest. Ma dietro di lui sgomitano almeno in quattro

 Dominatore o Lepre?

Il programma dell'Eurofestival 2009

Tre serate, quarantadue canzoni, quattro presentatori (di cui due abbastanza scarsi, finora): i numeri di apertura e i numeri di intervallo dell'Eurofestival 2009.

1ª semifinale, 12 maggio | 2ª semifinale 14 maggio | Serata Finale 16 maggio

Il palazzo dello sport Olimpico

Dall'Eurolega all'Eurofestival, il palazzetto Olimpico di Mosca è uno degli impianti più grandi mai utilizzati per il Concorso Eurovisione della Canzone.

leggi... L'Eurofestival 2008 va in onda da uno dei palasport più grandi d'Europa


Appuntamenti a Mosca

Le prove, gli spettacoli, le promozioni, tutto quello che dovete sapere per seguire il Concorso Eurovisione della Canzone

leggi... L'agenda dell'Eurofestival 2009


Dove si vede l'Eurofestival?

leggi... Etere, Digitale, Internet, Satellite e Locali pubblici


F.A.Q. Domande più frequenti

L'Eurofestival è una manifestazione pressochè sconosciuta dalla gran parte del pubblico Italiano. Qui trovate le risposte alle vostre domande sull'evento e sui partecipanti

leggi... leggi...


Twelve points to...

Il regolamento dell'Eurofestival è semplice. Al termine dell'esecuzione dell'ultima canzone, è aperto il televoto in ognuno dei paesi partecipanti. Al termine, i punti sono annunciati in 43 rapidi collegamenti.

leggi... Lo stesso sistema elettorale dal 1975


Le canzoni in concorso

Le caratteristiche dei concorrenti: durata e lingua delle canzoni, nazionalità degli interpreti e altre regole eurofestivaliere.

leggi... Chi gareggia all'Eurofestival


Prove aperte: 2009

Norvegia: Alexander Rybak

Le prove ne confermano la consistenza: l'oriundo bielorusso Alexander Rybak può solo perdere

Portogallo: Flor-de-Lis

Non entusiasma i critici come Vânia Fernandes, ma Daniela Varela porta una ventata di freschezza sul palco di Mosca

Albania: Kejsi Tola

Classe 1992, è la più giovane in gara: solida e precisa, senza sbavature potrebbe qualificarsi

Paesi Bassi: The Toppers

I gigioni olandesi puntano tutto sul Camp, e potrebbero staccare il biglietto per la finale

Bielorussia: Petr Elfimov

Rock'n'Roll! Minsk mostra i muscoli, il caschetto da Nino D'Angelo e le chitarre a coda di rondine

Creative Commons License Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tutto il materiale presente questo sito è di proprietà dei rispettivi autori. Il materiale iconografico è presente al solo scopo documentale previa citazione della fonte. Eurofestival.com è un sito indipendente, non ufficiale, a carattere non periodico, non associato a EBU-UER e a nessuna delle reti televisive europee che organizzano o partecipano all' Eurovision Song Contest. Eurovision Song Contest è un marchio registrato di EBU-UER. [cc] 2007-2008 Eddy Anselmi Eurofestival.com WondersNeverCease. In collaborazione con Radio Città Fujiko.